Psicoblog Psicoterapia Napoli - Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta

Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Dott. Massimiliano De Somma
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale Terapia trasformativa
Vai ai contenuti

- Zone di Consapevolezza

Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta


L'esperienza può essere divisa in tre tipi di consapevolezze, o zone di consapevolezza:

1) Consapevolezza del mondo esterno
. Questo è il vero contatto con gli oggetti e gli eventi nel presente: ciò che ora effettivamente vedo, ascolto, di cui sento odore, gusto, o tocco. Proprio ora vedo le mie dita che battono sui tasti, formare le parole, e sento un rumore ronzante. Fiuto il fumo dal fuoco, sento il liscio dei tasti sotto le mie mani, e gusto il dolce succoso sapore dell'uva nella mia bocca.

2) Consapevolezza del mondo interiore
. Questo è il vero contatto con gli eventi interiori nel presente: cosa effettivamente sento dall’interno della mia pelle - pruriti, tensioni muscolari e movimenti, manifestazioni fisiche di sensazioni e di emozioni, di disagio, di benessere, ecc. Proprio ora sento pressione nella punta del mio indice sinistro mentre esso batte un tasto. Sento una sgradevole tensione nella parte destra del mio collo e come muovo la testa esso sta leggermente meglio, ecc.

Questi due primi tipi di
consapevolezza includono tutto ciò che io posso conoscere sulla realtà presente come io la esperimento. Questo è il solido terreno della mia esperienza; questi sono i fatti della mia esistenza qui, nel momento in cui accadono. Non importa come io o altri pensiamo o sentiamo questa consapevolezza, essa esiste, e nessuna quantità di discussioni, di teorie o di reclami può far sembrare essa inesistente.
Il terzo tipo di
consapevolezza è completamente diverso, cioè la mia consapevolezza delle immagini di cose e di eventi che non esistono nel presente della realtà in corso:

3) Consapevolezza dell’attività di fantasia
. Questa include tutta l’attività mentale oltre all’attuale consapevolezza dell’esperienza in corso: Chiarendo tutto, immaginando, interpretando, congetturando, pensando, comparando, pianificando, ricordando il passato, prevenendo il futuro, ecc. Proprio ora mi sto chiedendo quanto tempo impiegherò a scrivere questo articolo. Io ho un’idea di come sembrerà quando sarà terminato, e mi chiedo come tu, lettore, risponderai ad esso - troverai utile questo articolo e ti piacerò per averlo scritto? Tutto ciò è irreale. Questo articolo non è ancora terminato; io non posso vederlo, e tu non puoi vederlo o rispondere ad esso. Esso è tutta mia fantasia, mia immaginazione. Eppure dentro questa fantasia c’è della realtà celata. Io posso scoprire di più su questa realtà se investo me stesso nella mia fantasia e divento consapevole delle mie sensazioni fisiche, percezioni ed attività mentre faccio questo. Mentre penso a quanto tempo richiederà l'articolo, divento consapevole della stanchezza nel mio corpo e realizzo che il desiderio che l'articolo sia terminato deriva da questa mia stanchezza attuale.

Quando immagino la tua risposta all'articolo, io sono
consapevole di volerti piacere e di volerti essere di utilità. Mentre scrivo ciò, calorose sensazioni confermano questa verità. Ora sto per un po’ con queste sensazioni e qualcos’altro comincia a svilupparsi - qualcosa di più fondamentale del piacerti o dell’essere di utilità per te. Che io ti piaccia o no, amo essere onesto con te, con la realtà ferma sotto i nostri piedi, e so che questo articolo può aiutarci. Mentre scrivo ciò il mio corpo si sente solido e fiducioso, dicendo “si”.

È davvero difficile portare a casa la realizzazione che ogni cosa esiste nel momento attuale.
Il passato esiste solo come elementi della realtà presente - cose e ricordi che penso facciano parte “del passato”. L'idea del passato qualche volta è utile, ma allo stesso tempo è un’idea, una fantasia che trattengo ora. Si consideri il seguente problema: “Dimostrami che il mondo non è stato creato due secondi fa, completo di manufatti e memorie”.

Anche la nostra idea del
futuro è una cosa irreale, sebbene qualche volta un’utile finzione. La nostra idea del futuro, come la nostra concezione del passato, è basata sulla nostra comprensione del presente. Passato e futuro sono le nostre congetture intorno a ciò che ha preceduto il momento presente e le congetture su ciò che seguirà. E tutto questo congetturare accade ora.




Nelle istruzioni che seguono, io ti chiedo di esplorare la tua propria consapevolezza e di notare alcune fondamentali proprietà della tua consapevolezza.

Tre puntini (…) indicano una pausa. Smettila di leggere quando arrivi a queste pause e prenditi del tempo per esplorare la tua propria
consapevolezza secondo le istruzioni. Se non ti prendi del tempo per scoprire la tua propria esperienza, queste istruzioni ti saranno inutili - come una mappa di un posto che non hai mai visto.

Per scoprire pienamente come è un posto, devi trascorrere del tempo a dare realmente un’occhiata in giro mentre tu sei lì, e scoprirai molto di più se ritorni in diversi momenti ed in diverse stagioni. Un fiume calmo può diventare un torrente impetuoso nei periodi di pioggia, o un’arida trincea pietrosa nei periodi di siccità.

_________________________


Zone di Consapevolezza

Prenditi del tempo per prestare attenzione alla tua propria
consapevolezza ora. Diventa un osservatore della tua consapevolezza, e nota dove va. Dì a te stesso “Ora sono consapevole di” - e finisci questa frase con ciò di cui sei consapevole al momento, e poi se questo è qualcosa di esterno, qualcosa di interno, o una fantasia. …

Dove va la tua consapevolezza? …


Sei, per lo più, consapevole delle cose esterne al tuo corpo, o delle sensazioni interne alla tua pelle? …


Ora rivolgi la tua attenzione verso qualche area di cui tu sei meno consapevole, interna o esterna, e diventa più consapevole di questa. …


Fino a che punto sei occupato con fantasie, pensieri ed immagini? …


Nota che mentre tu sei occupato con un pensiero o un’immagine, la tua consapevolezza della realtà interna ed esterna diminuisce o scompare. …


Se tu riesci ad imparare in modo pieno la distinzione tra una fantasia e la realtà della tua esperienza attuale puoi fare un grande passo verso la semplificazione della tua vita.



Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta e Counselor professionista
Formatore e Docente Scuole di Specializzazione in Psicoterapia
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
https://www.psicoterapia-napoli.it
https://m.psicoterapia-napoli.it



Nessun commento

Torna ai contenuti