Psicoblog Psicoterapia Napoli - Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta

Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Dott. Massimiliano De Somma
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale Terapia trasformativa
Vai ai contenuti

- Psicoterapia infantile

Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta


Cosa spinge un genitore a portare il figlio in terapia? Sono tanti i bambini che hanno un comportamento strano, indice del fatto che qualcosa non va. Eppure la maggior parte dei genitori, a meno che non si tratti di qualcosa di eclatante ed evidente, e confermato dal pediatra, esita prima di chiedere aiuto. “È solo un periodo”, spesso dicono a se stessi, “crescendo ne verrà fuori”.

Quando i genitori si decidono, di solito la situazione è già diventata molto difficile, se non insostenibile, vuoi per loro vuoi per il figlio. Anche quando i genitori non sono direttamente toccati dal comportamento del figlio, il disagio, l’ansia o la preoccupazione li spingono al punto di prendere dei provvedimenti.

A volte i genitori portano il figlio in terapia perché c’è stato un evento straordinario, per essere certi che il bambino esprima interamente tutte quelle emozioni pregnanti che sono legate all’evento stesso, quale può essere la morte o la malattia di una persona amata, maltrattamenti, molestie sessuali oppure un’esperienza che lo ha profondamente spaventato come un incidente stradale o un terremoto.

Non è semplice valutare qual è il momento più adatto per portare un bambino in terapia. Spesso il bambino stesso si preoccupa di fare qualcosa - facendo il diavolo a quattro finché qualcuno non lo nota. La scuola è spesso la prima ad accorgersene, eppure non consiglia un aiuto terapeutico finché la situazione non diventa grave. Molti casi vengono dai tribunali, casi di bambini che manifestano condotte turbolente molto prima di mettersi nei guai. I medici spesso diagnosticano i sintomi fisici come sintomi psicogeni e alcuni liquidano il piccolo paziente senza raccomandare seriamente né caldeggiare il ricorso a un aiuto psicologico. Un grosso motivo per cui i genitori esitano a cercare aiuto è che pensano alla terapia come a un processo continuativo che comporta tempi lunghi, forse anni. Ovviamente ci sono casi che richiedono trattamenti a lungo termine. In genere, comunque, molti problemi si possono trattare nel giro di 3-6 mesi, con una seduta alla settimana.



brano tratto da:: Oaklander V., Windows to Our Children: A Gestalt Therapy Approach to Children and Adolescents, Gestalt Journal Pr, 1988.



Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta e Counselor professionista
Formatore e Docente Scuole di Specializzazione in Psicoterapia
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
https://www.psicoterapia-napoli.it

https://m.psicoterapia-napoli.it



Nessun commento

Torna ai contenuti