Psicoblog Psicoterapia Napoli - Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta

Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Dott. Massimiliano De Somma
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
Dott. Massimiliano De Somma
Psicologo Psicoterapeuta
Counselor professionista
Psicoterapia della Gestalt Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale Terapia trasformativa
Vai ai contenuti

- Il cane del quadro

Psicoterapia Napoli: Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta
Pubblicato da Massimiliano De Somma in Infanzia · 8 Novembre 2011
Tags: PsicologoPsicoterapeutaPsicoterapiaNapoliDott.MassimilianoDeSomma




Linda, 13 anni, disegnò una stanza con un letto, un tavolo, una sedia, tre cani sul pavimento e il quadro di un cane sul muro. Il disegno era molto ordinato e aveva tanti spazi vuoti. Linda descrisse il disegno. Poiché faceva parte di un gruppo, gli altri bambini le facevano domande del tipo: "A cosa serve questo?" e lei rispondeva.
Chiesi a Linda di scegliere una parte del disegno che le sarebbe piaciuto far finta di essere. Scelse il cane del quadro sul muro. Le chiesi di parlare come il quadro di quel cane, dicendo chi era e cosa stava facendo. Linda descrisse se stessa: "Sono un quadro appeso qui al muro". Le chiesi come si sentisse a stare lassù.

Linda: Mi sento sola - molto sola. Non mi piace vedere quei cani che giocano.

Parla a questi cani quaggiù e diglielo.

Linda: Non mi piace stare qui a vedervi giocare. Vorrei venire giù e unirmi a voi.

Linda, la ragazza, si sente mai in questo modo, come il cane del quadro?

Linda: Sì! Quel cane sono proprio io. Me ne sto sempre al di fuori.

Vorrei sapere se ti senti così anche qui, ora.

Linda: Sì, mi sento così anche qui. Ma forse ora non tanto.

Cosa stai facendo per non sentirti così ora?

Linda: (con voce molto pensierosa) Beh, sto facendo qualcosa. Perlomeno non sto qui seduta a fare solo il cane del quadro sul muro.

Chiesi a Linda una frase da scrivere sul suo disegno e che meglio lo sintetizzasse.

"Vorrei venire giù dal muro e unirmi agli altri".

Chiedo spesso ai bambini di dirmi una frase da scrivere sul disegno e le loro frasi spesso riassumono molto succintamente la loro situazione nella vita. Il mio obiettivo era proprio quello di offrire a Linda un modo per diventare più consapevole della sua situazione, per potersene appropriare. A una maggiore consapevolezza segue la possibilità del cambiamento. In questo lavoro Linda non solo diede voce ai suoi sentimenti di solitudine e di isolamento, ma permise a se stessa di sperimentare qualcosa di diverso, di unirsi agli altri. Inoltre, credo che in lei si sia fatta strada l'idea di potersi prendere la responsabilità della sua vita, di poter fare qualcosa per vincere la sua solitudine.


Violet Oaklander,
Il gioco che guarisce. La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti



Dott. Massimiliano De Somma - Psicologo Psicoterapeuta e Counselor professionista
Formatore e Docente Scuole di Specializzazione in Psicoterapia
Psicoterapia della Gestalt - Analisi Transazionale
Approccio Cognitivo Comportamentale - Terapia trasformativa
https://www.psicoterapia-napoli.it
https://m.psicoterapia-napoli.it



Nessun commento

Torna ai contenuti